• Contact Time: Lun-Ven: 9.00-13.00

  • Phone Number: (+39) 071-8081

  • Contact Mail: info@innovamarche.it

F.A.Q.

Frequently Asked Question - Domande Frequenti

Domande relative al 3° Bando - Anno 2021


Bando Sottomisura 16.1 Sostegno alla creazione e al funzionamento di Gruppi Operativi del PEI – Azione 2 “Finanziamento dei Gruppi Operativi”. DDS 1028 del 05/11/2021

Chiarimenti sulle attività di divulgazione, trasferimento di conoscenze e informazione previste dal bando sotto forma di Unità Costo Standard (UCS)

Si chiarisce che gli UCS previsti dal bando sono omnicomprensivi, quindi anche del costo relativo al personale interno che organizza l’evento e/o che partecipa in qualità di moderatore e/o relatore compresi anche le missioni e trasferte.

All’interno del SIAR le spese inerenti la divulgazione dovranno obbligatoriamente essere caricate al soggetto identificato per quel tipo di attività (nulla vieta all’organismo di fare convenzioni, appalto di servizi, deleghe di attività ad altri soggetti; la verifica avverrà sui risultati raggiunti, sulla qualità della divulgazione e sul tipo di attività svolta, non ci saranno controlli amministrativi nelle fasi di pagamento in quanto costo UCS).

Detto questo è molto importante avere, nella fase di progettazione della domanda di sostegno, ben chiaro un piano di comunicazione, divulgazione e informazione che dovrà essere dettagliato attraverso l’apposita sezione del formulario (allegato A1). Il piano della comunicazione sarà poi, in fase di SAL o SALDO, espresso in attività attraverso le prove concrete di quello che si è fatto, come lo si è fatto e i risultati raggiunti.

La verifica di queste informazioni da parte dell’istruttore convalideranno la bontà l’investimento ammesso e il relativo costo standard oggetto di pagamento.

Chiarimenti relativi all’inserimento di un prototipo che venga progettato ed assemblato da un partner de GO e quindi non commissionato all’esterno

Il partner carica la parte relativa ai componenti da acquistare: ferro, motori, pompe ecc. (che saranno oggetto di 3 preventivi) alla voce prototipo e questi saranno oggetto di ammortamento e potranno costituire gli ulteriori 100 mila euro oltre i 200 mila.

Il partner carica le spese di personale relative alla progettazione e costruzione come spese di personale sotto la voce prototipo. Queste spese saranno comprese nei 200 mila originali e non saranno oggetto di ammortamento.
La rendicontazione delle -Spese generali- è di dettaglio oppure forfettaria?
Le spese generali direttamente collegate all’attività di sperimentazione del GO, possono essere ammesse fino al 10% dei costi diretti ammissibili per il personale dedicato alle attività di coordinamento e gestione amministrativa e devono essere comprovate da documenti giustificativi (fatture) inerenti una o più delle seguenti spese: affitto del locale, materiali di segreteria, noleggio attrezzature d’ufficio, utenze della struttura, apertura del c/c dedicato. I costi vanno rendicontati in quota proporzionale all’utilizzo della sede per il progetto del G.O.
Chi può assumere il ruolo di SOGGETTO CAPOFILA del Gruppo Operativo?
Per la norma stabilita dalla Regione Marche deve essere una Impresa agricola/forestale/agroalimentare in forma individuale o associata, iscritta alla CCIAA, in possesso di Partita IVA con codice attività agricola/forestale/agroalimentare, nonché di una sede operativa nelle Marche e con posizione debitamente validata (fascicolo aziendale) (paragrafo 5.1.1 e 5.1.2 del bando).
Qual è la differenza tra partner effettivi e partner associati?
Per partner effettivi si intendono i soggetti che sostengono costi e richiedono il relativo contributo per lo svolgimento delle attività previste nel progetto. Per partner associati si intendono i soggetti che sostengono le iniziative del progetto senza alcuna responsabilità di tipo finanziario. Vengono differentemente presentati sia nel formulario che in SIAR (paragrafo 5.1.1 del bando).
Il capofila del progetto può essere cambiato?

Il capofila può essere sostituito solo per causa di forza maggiore e alle condizioni indicate nel bando al paragrafo 7.1.4.

E' possibile apportare modifiche al partenariato?
La possibilità di recesso e subentro di partner è prevista al paragrafo 7.1.4 del bando ed agli Artt. 12-13 del Modello di Accordo di Cooperazione. In ogni caso deve essere garantita la condizione minima di composizione del partenariato e non devono essere modificati gli elementi oggetto di valutazione ai fini dell’assegnazione dei punteggi. Ovviamente gli eventuali nuovi partner devono possedere le caratteristiche di eleggibilità previste dal bando. Il nuovo partner può svolgere attività ed effettuare spese, subentrando nella quota del partner uscente oppure attraverso una redistribuzione del piano degli investimenti che, come noto, non può essere aumentato nel totale del contributo.
E' ammissibile il mancato reddito tra i costi aziendali?

Il mancato reddito dell’impresa, a seguito della sperimentazione, non è mai ammissibile. Il contributo può essere concesso solo per dei costi effettivamente sostenuti.

E’ possibile rendicontare le spese del titolare di un’azienda partner di progetto?

Le spese del personale riferite a titolari di imprese individuali, legali rappresentanti dei soggetti ammissibili al beneficio del contributo, soci o componenti degli organi di amministrazione, ovvero degli organi di governo dei soggetti ammissibili ai benefici del contributo sono escluse dal finanziamento nel caso di intensità di aiuto al 100% delle spese ammissibili.

Negli altri casi (intensità di aiuto al di sotto del 100%) tali spese sono ammissibili fino alla percentuale di cofinanziamento da parte del soggetto beneficiario. Si precisa però che i costi imputati al progetto vanno quantificati sulla base di contratti e costi orari riferiti a categorie di lavoratori dipendenti in agricoltura che svolgono prestazioni confrontabili a quelle del titolare delle imprese e degli altri soggetti di cui sopra.

Si fa presente inoltre che, nel caso in cui i soci o i componenti degli organi di amministrazione dei soggetti partecipanti svolgano prestazioni lavorative anche in qualità di dipendenti del soggetto beneficiario (con specifica busta paga e costo orario previsto dai CCNL), i suddetti compensi potranno essere riconosciuti ammissibili anche con intensità di aiuto al 100%.

Anche per la spesa per prototipi si devono presentare i tre preventivi?

Sì, essendo il prototipo un insieme di beni e/o servizi ricade nelle regole descritte al par. 5.3.1 relative ai beni e servizi.

Quando l'IVA può essere ammessa a contributo?

Come previsto al paragrafo 5.3.1 del bando l’IVA è un costo ammissibile nel caso in cui questa non sia recuperabile ai sensi della normativa nazionale. Non è comunque ammissibile quando l’IVA, pur se recuperabile, non viene recuperata dal beneficiario finale.

Da quale data decorre l’eleggibilità della spesa?

Il bando stabilisce che “sono considerate ammissibili le attività avviate e le spese sostenute dal beneficiario dal giorno successivo la data di protocollazione della domanda di aiuto”.

Come previsto dal bando, l’unica spesa propedeutica considerata ammissibile è quella relativa alla formalizzazione del GO, nel caso in cui l’atto costitutivo venga sottoscritto prima della presentazione della domanda.

Pertanto possono essere considerate ammissibili le spese sostenute a partire dalla data di inizio delle attività, che deve essere obbligatoriamente comunicata come stabilito dal bando, fatta eccezione per le spese relative alla formalizzazione del G.O. (notaio e missioni per firma atto costitutivo) che possono essere sostenute anche prima della presentazione della domanda di aiuto.

Per quanto riguarda gli “investimenti” possono essere considerate ammissibili le spese relative all’acquisto di macchinari, impianti ed attrezzature, non dedicati esclusivamente al progetto di sperimentazione, sostenute dal giorno successivo la data di presentazione della domanda di aiuto. In tali casi sarà comunque considerata ammissibile la sola quota di ammortamento del bene a partire dalla data di inizio attività, nella misura e per il periodo in cui il bene è utilizzato nel progetto e in proporzione alla percentuale del suo utilizzo nelle attività.

E’ possibile effettuare, nel corso della realizzazione del progetto, un cambio del conto corrente attraverso il quale vengono effettuati i pagamenti relativi alla domanda?

Sì, purché lo stesso sia intestato al beneficiario.

Quali modalità per l'erogazione del contributo?

E' possibile richiedere la liquidazione dell'anticipo dell'aiuto fino ad un massimo del 50% del contributo concesso solo per le spese di investimento (paragrafo 7.3),

E’ possibile richiedere la liquidazione dell’aiuto su Stato Avanzamento Lavori al raggiungimento di almeno il 30% del contributo totale richiesto o a conclusione di ciascuna annualità di progetto, fino ad un massimo dell’80% del contributo totale concesso (paragrafo 7.4 del bando)

La richiesta del SALDO deve essere presentata entro i 30 giorni successivi la conclusione del progetto (paragrafo 7.5.1 del bando).

Logo Assam bianco small 2

ASSAM - Agenzia Servizi Settore Agroalimentare delle Marche:
siamo INNOVATION BROKER per la Regione Marche per la ricerca e lo sviluppo di progetti innovativi in campo agricolo.

Dove ci trovi

Via Industria, 1
      60027 Osimo Stazione (AN)

(+39) 071 8081

info@innovamarche.it

(+39) 071 85979

Lun - Ven: 9:00 - 13:00